Il sorriso ed il piacere, tutto carburante per avanzare nella quotidianità.

Rientrati tutti dalla pausa estiva? ricordiamoci di sorridere.

Chi di voi ha avuto la fortuna di trascorrere qualche settimana o giorno od ora fuori all’aria aperta, al mare o in montagna o semplicemente a casa in famiglia, magari da parenti lontani, quelli che si incontrano solo durante alcuni periodi e magari ad anni alterni? L’impatto con la vostra quotidianità rientrando com’è stato? avete ancora il sorriso che stampato sul volto è stato vostro compagno di viaggio?

Il sorriso, quale grande alleato per stare in armonia con noi stessi. Le preoccupazioni, l’aspetto economico sempre in agguato e pronto ad accrescere le nostre preoccupazioni,  i dubbi e le incertezze per la vita dei nostri figli e chissà quale razza di elenco potrei scrivere ancora…. eppure il trucco sta nel non farsi prendere dallo sconforto di tutto questo fardello che sembra essere più pesante al rientro dalla pausa estiva, come?  Continuando a sorridere.

Se il nostro volto sorride, la nostra Anima è quieta.

Il sorriso abita sul nostro volto quando ci troviamo nel flusso della nostra Anima che non ha nulla a che fare col flusso della quotidianità diciamo “materiale”.
Bollette da pagare? libri scolastici da acquistare? spese varie da affrontare? magari in cerca di una nuova occupazione da fare?  Sorridi, metti le buone intenzioni, senti che tutto è già compiuto. Sorridi con le labbra, con gli occhi, con un abbraccio, con una stretta di mano, sii complice, grato, fiducioso e tutto si dispiegherà come un gomitolo lasciato correre giù per le scale.

Sorridi e prova piacere nell’essere chi sei, nel fare ciò che fai, nel dire ciò che dici, nel vivere nel Qui ed Ora. 

Chiediti e rispondi senza pensare:

sorridi durante la giornata?

e quante volte sorridi al giorno?

al tuo risveglio la mattina sorridi?

provi piacere mentre ti vesti, mentre prepari i bambini per andare a scuola o mentre prepari loro la colazione? e durante la giornata? il piacere che provi nel fare, nell’essere, nel dire, nel riposarti se ne hai bisogno, c’è?

quanto godi della tua quotidianità tu mamma, tu moglie di quel uomo o marito di quella donna, tu papà spesso assente, portato via dagli impegni lavorativi, tu ragazza/o single in cerca del primo grande amore?

Guardare il mondo con gli occhi dei nostri bambini e sorridere con la sincerità dei loro volti è la soluzione migliore per imparare a sorridere e a godere del tutto e anche del nulla.

E’ la felicità a rendere ricchi e non viceversa, dunque essere felici conviene ed è a costo zero.

Un abbraccio di Luce a Tutti

Lucia